Scene da aeroporto

Dall’autobus oggi ho visto una scena come tante altre ma forse non l’avevo mai notata con gli occhi con cui l’ho vista oggi…Un uomo,sulla cinquantina,sorriso a trentadue denti,vicino ad una macchina,in attesa…tre ragazzi, la luce nei loro occhi e quell’abbraccio durato pochi secondi ma che nascondeva sicuramente una forte emozione.
Scene tipiche da aeroporti,stazioni,porti…ma mai mi avevano fatto questo effetto…mi hanno aperto il cuore,sarà stata anche la giornata favolosa trascorsa con la persona che amo che mi ha sconvolto il modo di vedere le cose,almeno per oggi,mi son venute le lacrime agli occhi ed ho sorriso…forse nella speranza che questa scena capiti a me in un futuro non troppo lontano…La tristezza di lasciare chi ami e poi la gioia di ritrovarli lì ad aspettarti,pronti a regalarti quel sorriso che ti è troppo mancato,quell’abbraccio di cui chissà quante volte ne hai sentito il bisogno,quello sguardo che ti illumina il cuore. In fondo in ogni partenza c’è una speranza,la fiducia nel cambiamento e la paura del cambiamento,la voglia di cambiare ma il bisogno che tutto resti com’è.

Lontana

Lontana da te è come vivere in un mondo completamente diverso,dove tutto ciò che sono si annulla.
C’è una nuova me che ha smesso di lottare per i suoi sogni, che si ostina a “sopravvivere” tra le sue insicurezze.
Come una foglia, leggera, vaga nel vento,così vorrei che la mia anima galleggiasse a mezz’aria sorretta soltanto dai miei ricordi che mi riportano alla gioia di quelle passeggiate mano nella mano, al tramonto, per riuscire a ritrovarti

Indelebile

Ricordo le ore la telefono
scrigno d segreti
Le sere e i pomeriggi
a piangere e ridere
I dubbi e le speranze
per il vicino futuro
Ricordo la nostra sincerità
e la troppa ingenuità
I tentativi d risolvere tutto
La voglia d realizzare un sogno
Ricordi che resteranno indelebili nel cuore
come la nostra amicizia
indelebile
nel tempo.

Forse...

Vorrei lasciarmi andare tra le tue braccia,sentire il tuo cuore battere illudendomi che lo faccia solo per me.
Abbandonare la ragione per perdermi nella follia di questo amore.Seguire il cuore, rinnegare i pensieri, cancellare ogni riflessione,per far brillare la mia anima.
Lottare contro ogni mio principio,inseguire una passione,correre il rischio nascosto nella magia di un bacio al tramonto,di una carezza,fino a perdere ogni contatto con la realtà.
Cogliere la felicità di quella follia, durerà un istante o forse per l'eternità!

SOGNO

Aprii gli occhi,ero distesa sul mio letto,sentivo la guancia umida.mi asciugai il volto con la mano.Una lacrima scendeva sul mio viso arrivando al cuscino.
Era un sogno...la mattina inziava così come terminava il mio sogno,con lacrime.
Mi capita spesso di svegliarmi convinta che sia tutto la realtà,bella o brutta che sia,"vivo" i miei sogni intensamente..sempre.
Stavolta però sono lacrime di gioia...o quasi.
Ricordo tutto...come se fosse successo veramente:il concerto,la musica,io che prendo la sua mano,il litigio,il primo bacio,dolce e amaro contemporaneamente,la mia indecisione,la paura di essere presa in giro,di farmi illudere,e poi il suo dolce tentativo di convincermi che era tutto sincero,sentito,vero...e non uno stupido modo di dimenticare un'altra usando me.Mi ripeteva che sperava arrivassi da un momento all'altro,che era stato uno stupido ad aver preferito lei a me,lei invece di trascorrere del tempo con me...
Un'altra lacrima bagna il viso e poi ancora il cuscino...
Mi diceva che era me che volevacon sè,quella giusta ero io,lo aveva capito troppo tardi,aveva guardato i miei occhi e aveva sentito una vibrazione,un emozione,un battito diverso..."Sei tu quella giusta...Sei l'unica che voglio accanto..."non faceva altro che ripeterlo,mi sembrava sincero ma l'ottimismo,la speranza che mi aveva sempre accompagnato in quel momento veniva meno.
La paura si prendeva gioco di me,mi diceva di rinunciare a quella probabilità e possibilità di essere felice.
Insicura e spaventata mi allontanai,cercando pace e riparo tar i miei amici in attesa di un segnale,di un qualcosa che mi dicesse"rischia,buttati...fidati di lui"...
Arrivo quella forza quando lui si avvicinò a me...era dietro di me,mi abbracciava e appoggiò la sua testa sulla mia spalla...sentii dentro una molla,una voce mi diceva che dovevo vivere al meglio quel momento,che sarebbe stato soltanto il primo di tanti altri.
Mi voltai,lo guardavo sorridendo ma con gli occhi lucidi e qualche lacrima scendeva dai miei occhi lungo il mio viso,le asciugava dolcemente,baciandomi sulle guance"Sono qui...non piangere...non ti lascerò mai"...un bacio tra le lacrime,stretta tra le sue braccia... Si piangevo,ma ero felice...era un sogno che diventava realtà.Credevo fosse reale,ma solo le lacrime lo erano...Le asciugai,mi alzai dal letto,accesi la luce e mi guardai allo specchio...
Mi sforzai di sorridere..."Un altro giorno comincia...ancora senza te"un'altra lacrima scese...

Crisàlide

changed August 25, 2008